Regolamento interno e funzionamento primaria Vedrana

Scuola primaria di Vedrana

La Scuola primaria di Vedrana accoglie tradizionalmente alunni provenienti anche dai territori confinanti e dal capoluogo. Ora conta  un gruppo di alunni piuttosto eterogeneo e ricco delle diversità individuali e culturali di ciascuno. La scuola pertanto si caratterizza per un’offerta formativa che, nel rispetto dei bisogni e delle ricchezze di tutti e di ciascuno, ricerca la flessibilità e l’ottimizzazione delle risorse in stretta collaborazione con le famiglie, l’ente locale, i servizi socio-sanitari territoriali ed il volontariato.

 Scuola Primaria 

Via Croce Vedrana n. 5

tel: 051-692901

fax: 051-6929010

e mail: primariavedrana@icbudrio.istruzioneer.it

 

La nostra organizzazione

 

Coordinatori di Plesso  Bortolotti Cristiana
Numero Alunni 111
Personale n. 9 docenti di classe ad orario completo + n. 1 docente per 13 ore

n. 1 insegnante di musica per 8 ore

n. 1 insegnante di educazione fisica per 5 ore

n.1 insegnante di religione cattolica per 6 ore

n.1 insegnante di religione cattolica per 2 ore

n. 1 docenti di sostegno

n. 2 collaboratori scolastici

Organizzazione Scolastica TEMPO PIENO 40 ore settimanali

Orario di funzionamento :Tutte le classi: dal lunedì al venerdì dalle ore 8:20 alle ore 16:20

Strutture

  • La scuola dispone di: 5 aule,
  • 1 aula di Informatica,
  • 5 L.I.M.,
  • 1 biblioteca alunni e insegnanti,
  • 1 sala mensa,
  • 1 auletta polivalente
  • 1 palestra,
  • 1 ampio spazio verde.

Servizi Integrativi Offerti

  • Sono gestiti e garantiti dal Comune di Budrio: servizio mensa (pasto);

cl. 1° e 2° dalle ore 12:00 alle ore 12:35

cl. 3°, 4° e 5° dalle ore 12:40 alle ore 13:10

 

  • servizio di pre scuola dalle ore 7:15 alle ore 8:20 ;
  • servizio di post scuola dalle ore 16:20 alle ore 18:00 ;
  • servizio di trasporto;

 

 

LA GIORNATA SCOLASTICA

 

  LUNEDI MARTEDI MERCOLEDI GIOVEDI VENERDI
ORARIO DI INGRESSO

Apertura scuola: ore 8,15

Chiusura scuola ed inizio delle lezioni: ore 8:20 ()

INTERVALLO

cl.1° e 2° dalle ore 10:00 ()

cl. 3°, 4° e 5° dalle ore 10:20 ()

PRANZO

cl. 1° e 2° dalle ore 12:00 ()

cl. 3°, 4° e 5° dalle ore 12:40 ()

 

ORARIO DI USCITA

Ore 16:20 ()

 

  Discipline ed attività del curricolo obbligatorio comune

 

PRIMA SECONDA TERZA-QUARTA-QUINTA
ITALIANO 10 9 9
STORIA 2 2 2
GEOGRAFIA 2 2 2
INGLESE 1 2 3
MATEMATICA 8 8 8
SCIENZE 2 2 2
TECNOLOGIA 2 2 2
MUSICA 2 2 2
ARTE 2 2 1
GIOCO MOV. E SPORT 2 2 2
RELIGIONE 2 2 2
MENSA 5 5 5
TOTALE 40 40 40

In ogni classe vengono effettuate attività di recupero, consolidamento ed  approfondimento nei diversi ambiti disciplinari

Nella scuola è presente la BIBLIOTECA per i ragazzi.

allegato/i

elenco libri della biblioteca di Vedrana.rtf_0
Titolo : elenco libri della biblioteca di Vedrana.rtf_0
Dimensione : 55 kB

 

MODALITA’ D’ INGRESSO E DI USCITA

  •  I collaboratori scolastici all’apertura dei cancelli conducono i bambini al piano della scuola primaria. Prima di tale orario i bambini (ad eccezione degli iscritti al pre-scuola) non devono trovarsi all’interno della scuola, non essendo prevista alcuna forma di sorveglianza. Gli insegnanti attendono i bambini in classe.
  • I bambini che usufruiscono dello scuolabus sono accolti all’arrivo dai collaboratori scolastici ed accompagnati dentro la scuola; al termine delle lezioni sono ancora i collaboratori ad accompagnarli al pullman mentre gli educatori radunano gli iscritti al post-scuola.

Al termine delle lezioni gli insegnanti accompagnano gli alunni fino al cancello laterale. I genitori sono tenuti ad aspettare fuori.

  • Per nessun motivo i bambini possono andare a casa da soli o con minorenni; pertanto gli alunni saranno consegnati esclusivamente ai genitori o a persona maggiorenne provvista di delega scritta e di documento di identità personale, la cui fotocopia verrà trattenuta agli atti, se non lo è già.
  • La delega deve contenere i dati anagrafici del delegato e dovrà essere corredata dalla fotocopia di un suo documento d’identità e va consegnata all’insegnante di classe all’inizio dell’anno.
  • Nel caso di ritardo nel ritiro degli alunni al termine delle lezioni, il docente contatterà telefonicamente la famiglia o i delegati; se non sono rintracciabili provvederà ad avvertire la segreteria e le forze dell’ordine.
  • Nessun genitore può entrare a scuola al mattino o durante l’orario di lezione. Eventuali comunicazioni urgenti potranno essere affidate per iscritto agli alunni o ai collaboratori scolastici o comunicate telefonicamente alla scuola
  • Al termine delle lezioni né alunni né genitori possono accedere ai locali scolastici per ovvi motivi di sicurezza e di servizio.
  • L’accesso alla scuola di qualsiasi persona estranea deve essere preventivamente autorizzato dal Dirigente Scolastico, il collaboratore scolastico verificherà il diritto di accedere e lo comunicherà al Docente coordinatore di plesso.

 

 

RITARDI, GIUSTIFICAZIONI DELLE ASSENZE E RIAMMISSIONI

  • Si invitano le famiglie a rispettare gli orari stabiliti.
  • I ritardi abituali saranno segnalati per iscritto al dirigente scolastico che adotterà opportuni provvedimenti.
  • Tutte le assenze, gli ingressi posticipati e le uscite anticipate devono essere giustificate mediante comunicazione scritta.
  • Gli alunni, eccezionalmente, possono entrare in orari diversi dall’inizio delle lezioni, previa richiesta sottoscritta dalla famiglia. In caso di orari di entrata o di uscita dovuti a motivi particolari e prolungati nel corso dell’anno è necessario acquisire l’autorizzazione del Dirigente Scolastico che provvederà a rilasciarne copia agli insegnanti di classe. In caso d’uscita anticipata il genitore dovrà compilare e firmare l’apposito modello reperibile presso i Collaboratori Scolastici del Plesso.

MALATTIE INFETTIVE

Qualora le assenze riguardino le seguenti malattie infettive: diarree batteriche (salmonellosi, shigella, campylobacter,…) le epatiti virali e le forme di parassitori cutanee (tigna, scabbia, ….),quando lo richiedano misure di profilassi a livello internazionale e nazionale per esigenze di sanità pubblica, è necessario il certificato di riammissione del medico del servizio di pediatria di comunità dell’Asl.

ALLERGIE ED INTOLLERANZE

i genitori sono tenuti ad informare la scuola circa allergie, intolleranze, problemi di salute che possono presentarsi durante la permanenza dell’alunno a scuola e a fornire le indicazioni di intervento.

SOMMINISTRAZIONE DI FARMACI

In casi eccezionali gli insegnanti possono essere autorizzati dal dirigente scolastico, ma non obbligati, a somministrare farmaci purchè ricorrano le seguenti condizioni:

  • Prescrizione del medico curante
  • Convalida della prescrizione e della posologia da parte del medico scolastico
  • Richiesta scritta al Dirigente Scolastico dei genitori

MENSA E DIETE PARTICOLARI

Il servizio mensa è gestito dal Comune di Budrio.

Regolamento per diete particolari:

• se un alunno necessita di una dieta particolare per motivi di salute i genitori devono presentare la prescrizione del medico curante (recante la motivazione della richiesta e la durata della dieta) da consegnare al Comune e, come informazione, agli insegnanti.

• è possibile richiedere una dieta particolare per motivi religiosi presentandone richiesta al Comune, i docenti ne saranno informati

• eccezionalmente, i genitori possono chiedere, direttamente al personale della scuola, il mattino all’ingresso, una dieta “in bianco” per la durata pari o inferiore a 2 giorni. Per le diete speciali è necessaria la prescrizione del medico curante. Le diete speciali per motivi religiosi necessitano di richiesta scritta del genitore. Per 3 giorni può essere somministrata una dieta in bianco senza certificazione, previa comunicazione del genitore al personale della scuola.

GESTIONE DEL PRANZO

Il momento del pranzo ha valenza educativa e come tale rientra tra le attività formative che la scuola definisce in specifico progetto.

Prima di andare alla mensa gli alunni usano i servizi e si lavano le mani, sorvegliati dai docenti della classe.

I docenti invitano gli alunni ad adottare i seguenti comportamenti:

• a consumare il pasto in maniera adeguata;

• ad evitare sprechi;

• a non rifiutare, per pregiudizio, determinati alimenti;

• a parlare con tono moderato;

• a lasciare il tavolo ed il refettorio ordinati.

I docenti vigilano sulla consumazione del pasto e sull’uso corretto di alimenti, stoviglie, posate.

Ogni plesso, all’interno del proprio regolamento, concorda le modalità di svolgimento di tale servizio.

Assenze mensa (scuola primaria) Per coloro che frequentano la scuola a tempo pieno: i genitori devono comunicare per iscritto ai docenti se l’alunno pur presente a scuola si recherà a casa nell’ora della mensa. Chi, non essendo iscritto alla mensa, esce ogni giorno per consumare il pranzo in famiglia, è tenuto ad uscire 5 minuti prima dell’orario previsto per il pranzo della propria classe e a rientrare entro un’ora, ma non prima di 30 minuti.

Registrazione e comunicazione delle presenze ai gestori del servizio mensa La presenza in mensa sarà registrata mediante il badge messo a disposizione di ogni utente.

Ricreazione post – mensa Le attività di post-mensa, anche quando siano lasciate alla libera iniziativa degli alunni devono essere preordinate e definite in un contesto di regole, pattuite con gli alunni. Poiché tali attività rientrano a pieno titolo nel progetto didattico-educativo, la loro programmazione deve essere esplicitata a tutti i livelli come per qualunque altra attività.

Uso degli spazi: aula, zona di corridoio visibile e vigilabile dal docente, giardino (zona antitante la scuola e, solo se sotto la sorveglianza del docente, zona orto e comunque entro la pertinenza della scuola primaria).

Quando la classe è in giardino nessun alunno può rientrare, escluse emergenze autorizzate dal docente. giochi possibili e incompatibili: i bambini non possono giocare sulle scale e negli atri.

 

RAPPORTI SCUOLA-FAMIGLIA

Sono previsti i seguenti momenti d’ incontro:

  • Assemblea di classe nel mese di ottobre
  • Ricevimento individuale dei genitori: dicembre/aprile

Per motivi urgenti è possibile conferire con gli insegnanti, su richiesta scritta, in orario pomeridiano da concordare. Le comunicazioni per i genitori, dettate o consegnate agli alunni devono essere firmate per presa visione entro il giorno successivo.

DISTRIBUZIONE MATERIALE INFORMATIVO

Tutto il materiale informativo e pubblicitario da distribuire all’interno della scuola deve essere prima sottoposto al vaglio del dirigente scolastico.

ASSICURAZIONE SCOLASTICA

Gli alunni sono tenuti a sottoscrivere l’assicurazione scolastica per poter partecipare a tutte le attività, anche a quelle organizzate fuori dagli ambienti scolastici. Agli alunni sprovvisti di assicurazione NON è consentito partecipare a uscite e viaggi di istruzione.

REGOLAMENTO PRIVACY

La scuola segue le disposizioni di legge in materia di tutela della privacy.

ESTRATTO DEL REGOLAMENTO DI ISTITUTO

I doveri degli alunni (Dall’art.45 del regolamento d’Istituto)

1. Gli alunni sono tenuti a mantenere un comportamento sempre educato, corretto e responsabile in ogni circostanza e nei confronti di adulti e bambini.

2. Devono rispettare e conservare la pulizia e l’ordine degli ambienti, degli arredi e delle attrezzature, consapevoli che l’ambiente scolastico è un bene di tutti.

3. Utilizzare correttamente i contenitori dei rifiuti.

4. Riportare alla famiglia le comunicazioni dei docenti e/o dell’Istituto e farli firmare entro il giorno successivo la consegna.

5. Informarsi sul lavoro svolto in classe e sui compiti da svolgere nei casi di assenza.

6. E’ vietato portare a scuola denaro, oggetti preziosi e oggetti estranei all’attività scolastica ( es. giochi elettronici, cellulari…); la scuola non risponde dello smarrimento né dei danni.

7. Gli spostamenti dalle aule ai laboratori devono avvenire in modo ordinato e silenzioso.

8. Durante l’utilizzo della palestra è obbligatorio che gli alunni calzino scarpe da ginnastica ed indumenti adatti all’attività motoria.

Ogni alunno deve avere rispetto per il materiale didattico e per gli arredi scolastici. Coloro che arrecheranno danni al materiale, agli ambienti e ai beni dell’Istituto e del Comune saranno tenuti a risarcire i danni.

I doveri dei genitori (Dall’art.46 del regolamento d’istituto)

I genitori sono tenuti a:

1. Garantire il rispetto degli orari di entrata ed uscita degli alunni.

2. Garantire la frequenza assidua alle lezioni.

3. Giustificare eventuali ritardi.

4. Prendere visione giornalmente del diario e firmare comunicazioni, avvisi e giudizi di valutazione.

6. Garantire e controllare con costanza l’esecuzione dei compiti assegnati dai docenti.

7. Partecipare con costanza agli incontri periodici scuola-famiglia.

8. Controllare che il proprio figlio abbia il materiale didattico occorrente

Intervenire rispetto agli eventuali danni provocati dall’alunno a carico di persone, arredi e materiale didattico, attraverso il ripristino dei materiali danneggiati e/o all’integrale risarcimento dei danni.

GESTIONE DEI MOMENTI DI INTERVALLO

L’ intervallo costituisce una fase dell’attività didattica in cui si accentua l’obbligo di vigilanza sugli allievi, in maniera da evitare che si arrechi danno alle persone e alle cose (Circolare 16/4/75 n. 105 Art. 17, comma f , e norme successive).

 L’ intervallo, quale momento educativo della giornata, è obbligatorio e dovrà avere la durata minima di 10 minuti.

Il Collegio dei Docenti, all’inizio di ogni anno scolastico, indica le modalità in base alle quali dovrà svolgersi l’intervallo e i docenti ne illustreranno le modalità organizzative ai genitori. L’ intervallo si terrà in aula nella scuola secondaria mentre, nelle scuole primarie e dell’infanzia, qualora le condizioni meteorologiche lo consentano, si potrà svolgere all’aperto. In questo caso si farà attenzione ad evitare giochi o comportamenti pericolosi. Nei cortili delle scuole è vietato giocare a calcio. Durante l’intervallo si accede ai servizi a piccoli gruppi. La vigilanza degli alunni durante l’ intervallo compete al personale docente. Il personale ausiliario assiste al piano e negli spazi comuni interni ed esterni durante l’intervallo, intervenendo in caso di pericolo o necessità e segnalando ai docenti eventuali comportamenti degli alunni degni di attenzione. In particolare i collaboratori scolastici durante l’intervallo devono sostare nei locali antistanti i servizi per vigilare gli alunni.

INFORTUNIO DEGLI ALUNNI

Gli infortuni in ambito scolastico sono eventi ad alto rischio di probabilità, sia per il personale in servizio, sia per gli alunni. Gli obblighi che scaturiscono dagli infortuni degli alunni e del personale, nonché i connessi adempimenti, fanno capo alla diretta responsabilità del Dirigente Scolastico nella sua veste di datore di lavoro. Quando un allievo subisce un infortunio durante le attività didattiche l’insegnante, dopo aver prestato i primi soccorsi, deve tempestivamente avvertire la famiglia e la segreteria. In caso di necessità di trasporto in ospedale (a seguito di infortunio grave e nella impossibilità di contattare la famiglia), sono da osservare le seguenti disposizioni:

• La Segreteria Scolastica, il personale ATA o i docenti chiameranno il Servizio di Pronto Intervento;

• La Segreteria, il personale ATA o i docenti si attivano per informare la famiglia;

• Quando la famiglia non possa raggiungere tempestivamente la scuola, l’allievo infortunato sarà accompagnato all’ ospedale dall’ insegnante della classe;

• La classe rimasta priva di insegnante verrà, dal Dirigente Scolastico o dal suo collaboratore, affidata ad altri insegnanti;

• Il docente presenterà immediatamente relazione scritta (su apposito modulo) dell’infortunio accaduto.

Il giorno successivo i genitori avranno cura di consegnare in Segreteria il certificato in originale rilasciato dall’ ospedale e/o dal medico curante.;

• L’ufficio di Segreteria che provvederà ad inviare la denuncia di infortunio alla Compagnia di Assicurazione con la quale è stato stipulato apposito contratto assicurativo;

• L’ insegnante deve redigere una relazione scritta che contenga la descrizione dell’ incidente, le generalità dell’ alunno coinvolto e di eventuali testimoni, il luogo, il giorno e l’ora dell’ incidente.

INGRESSO DI PERSONE ESTRANEE ALLA SCUOLA

L’accesso alla scuola di qualsiasi persona estranea deve essere preventivamente autorizzato dal Dirigente Scolastico. Il Collaboratore Scolastico verificherà il diritto ad accedere all’edificio prima di aprire il cancello ed informerà il Docente coordinatore del plesso, fornirà un tesserino temporaneo e tratterrà il documento di identità per tutto il tempo di permanenza nell’edificio.